INFORMATIVA

Questo sito potrebbe usare i cookie sia tecnici che di profilazione per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.

Se accedi a qualunque elemento sottostante a questo banner ACCONSENTI all'USO dei COOKIE.

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie - 8 maggio 2014
(Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014)

Registro dei provvedimenti
n. 229 dell'8 maggio 2014

Sentenza della Corte Costituzionale n. 113 del 18 giugno 2015.
Verifiche periodiche di funzionalità dei dispositivi di controllo della velocità dei veicoli.

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 113 del 18 giugno 2015 .- ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 45, comma 6, del Codice della Strada, nella parte in cui non prevede che tutte le apparecchiature impiegate nell'accertamento delle violazioni dei limiti di velocità siano sottoposte a verifiche periodiche di funzionalità e di taratura.

Con questa pronuncia la Consulta ha inteso affermare il principio della necessaria tutela del ragionevole affidamento che deriva dalla permanenza della funzionalità delle apparecchiature di misura della velocità e che è garantita attraverso verifiche periodiche conformi alle relative specifiche tecniche, imponendo al legislatore di adeguare le norme del Codice della Strada in modo che tale principio sia sempre rispettato.

Maggiori info al sito asaps.it